Katniss Everdeen (The Hunger Games) #226

Katniss, l’eroina

Katniss Everdeen è la protagonista della trilogia letteraria e cinematografica “The Hunger Games“. Questa distopia futuristica si svolge a Panem, che si trova nel sito degli Stati Uniti di oggi. Il Paese è diviso in 13 distretti governati dall’autorità dittatoriale del Campidoglio. 75 anni prima dell’inizio della storia, i 13 distretti si sono ribellati ma non sono riusciti a rovesciare il governo. Il risultato fu la distruzione del distretto 13 e la creazione di una “tradizione” per punire il popolo per la sua rivolta: i Hunger Games. Ogni anno, due giovani di ogni distretto vengono estratti a sorte e, in un’enorme arena, devono combattere fino alla morte. L’ultimo sopravvissuto è incoronato grande campione. In uno di questi sorteggi nel distretto 12, quello di Katniss, viene sorteggiata la sorella minore. Katniss si offrirà poi volontaria per competere al suo posto. Rifiutandosi di uccidere e alleandosi con l’altro candidato del suo distretto Peeta, innamorato di lei da sempre, Katniss darà il via a una nuova rivolta di tutta la popolazione di Panem.

Katniss, la sopravvissuta


Questa prima statuetta di Katniss la mostra con l’abito che indossa durante i giochi a cui partecipa durante il primo film della saga The Hunger Games. Questi giochi si svolgono nella foresta, quindi l’attrezzatura che le viene fornita deve essere adattata a questo ambiente. I pantaloni in stile mimetico con stivali di pelle marrone sono un buon abbinamento. Nella parte superiore, indossa bene lo spesso cappotto impermeabile stretto in vita da una cintura. Funko non ha dimenticato il dettaglio delle strisce grigie e la famosa spilla di ghiandaia beffarda che, a seconda della versione, le viene regalata dall’amica o dalla sorellina. A livello della testa, il suo volto è molto semplice, ma possiamo trovare questo tappetino sul lato così caratteristico del personaggio. Infine, Katniss dovrà la sua sopravvivenza in gran parte al suo talento di arciere. Quindi era logico che Funko la rappresenti con l’arco in mano.

Lascia una risposta 0 comments

Lascia una risposta: